La tutela delle DOP e IGP: il recente caso “Glen Whisky”

wine-cellar-242048_1920

 

La Corte di Giustizia UE lo scorso 7 giugno ha deciso nuovamente di affrontare la tematica della evocazione delle indicazioni geografiche, stabilendo i confini della loro tutela con uno sguardo sia alle esigenza dei produttori che a quelle dei consumatori europei.

Le tematiche affrontate dalla sentenza sono molto interessanti anche se legate al mondo del whisky poiché possono dirsi applicabili a tutti i prodotti recanti il marchio DOP o IGP.

Ma andiamo con ordine.

Qual è stato il fattore scatenante di questa pronuncia?

 

LA VICENDA

La scintilla che ha fatto sorgere la controversia si è avuta allorquando il Sig. Klotz decideva di chiamare il proprio whisky prodotto in Germania “Glen Buchenabch”.

Immediata la reazione della Scotch Whisky Association – l’associazione scozzese incaricata di tutelare il whisky nazionale – che agiva immediatamente dinanzi al Tribunale di Amburgo per vedere riconosciuta la violazione dei diritti di cui al Reg. CE 110/2008.

In breve, secondo l’associazione scozzese il termine “Glen” sarebbe stato evocativo della Scozia a tal punto da confondere il produttore sulla vera origine del prodotto del Sig. Klotz.

Il Tribunale di Amburgo, tuttavia, decideva di sospendere il giudizio e di affidare alla Corte di Giustizia UE il compito di dirimere alcune questioni interpretative legate proprio all’evocazione delle DOP e IGP.

 

LA DECISIONE DELLA CORTE  

La Corte di Giustizia nella sua lunga sentenza, in buona sostanza, sancisce innanzitutto che deve essere il giudice di ciascun Stato membro a verificare se il consumatore può essere tratto in inganno da presunte pratiche evocative.

A tal proposito, si dovrà tenere come punto di riferimento non solo il “consumatore medio”, ma anche le similarità fonetiche o visive tra i prodotti, la somiglianza concettuale con la DOP o IGP, nonché l’incorporazione anche solo di parte dell’indicazione all’interno della denominazione del prodotto evocativo.

 

Per leggere l’intera sentenza clicca qui



VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOVITÁ PIÙ IMPORTANTI DAL MONDO AGRO-ALIMENTARE e VITIVINICOLO?

 

Compila il form al link in basso

e in omaggio riceverai la copia del mio nuovo e-Book

“I Contratti di Cessione dei Prodotti Agricoli e Alimentari”.

 

In questa guida ho raccolto e spiegato in termini semplici quali sono gli errori da evitare e i requisiti che devono avere i contratti di cessione dei prodotti agricoli ed alimentari per evitare sanzioni e difficoltà di recupero del credito.

Ebook 3D

INSERISCI LA TUA MAIL COLLEGANDOTI AL LINK IN BASSO E RICEVI SUBITO LA TUA COPIA GRATUITA DELL’e-BOOK “I Contratti di Cessione dei Prodotti Agricoli e Alimentari”

VOGLIO SCARICARE L’ e-BOOK

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...