Il regime di scambio dei prodotti vinicoli nel mercato europeo ed internazionale. Parte I

vineyard-3442847_1920

INTRODUZIONE

Lo scambio dei prodotti vinicoli con i Paesi terzi (ossia al di fuori dell’UE) non è espressamente disciplinato dal Reg. CE 1308/13.

E’ rimesso, infatti, alla Commissione il potere di disciplinare di volta in volta singoli rapporti sulla base dei trattati internazionali stipulati tra i vari Paesi dell’Unione con Stati esteri.

Sul punto, occorre tenere sempre a mente gli artt. 176 e 177 del Reg. CE 1308/13

Articolo 176

1. Fatti salvi i casi in cui i titoli di importazione o di esportazione sono richiesti a norma del presente regolamento, le importazioni ai fini dell’immissione in libera pratica nell’Unione o le esportazioni dall’Unione di uno o più prodotti dei settori seguenti possono essere subordinate alla presentazione di un titolo: a) cereali; b) riso; c) zucchero; d) sementi; e) olio di oliva e olive da tavola, per quanto riguarda i prodotti di cui ai codici NC 1509, 1510 00, 0709 92 90, 0711 20 90, 2306 90 19, 1522 00 31 e 1522 00 39; f) lino e canapa, per quanto riguarda la canapa; g) ortofrutticoli; h) ortofrutticoli trasformati; i) banane; j) prodotti vitivinicoli; k) piante vive; l) carni bovine; m) latte e prodotti lattiero-caseari; n) carni suine; o) carni ovine e caprine; p) uova; q) carni di pollame; r) alcole etilico di origine agricola.

2. I titoli sono rilasciati dagli Stati membri ad ogni interessato che ne faccia richiesta, a prescindere dal suo luogo di stabilimento nell’Unione, salvo diversa disposizione di un atto adottato in conformità all’articolo 43, paragrafo 2, TFUE e fatta salva l’applicazione degli articoli 177, 178 e 179 del presente regolamento.

3. I titoli sono validi in tutto il territorio dell’Unione.

Articolo 177

1. Per tenere conto degli obblighi internazionali dell’Unione e delle norme dell’Unione applicabili in campo sociale, ambientale e di benessere degli animali, della necessità di monitorare l’andamento degli scambi e del mercato e le importazioni ed esportazioni dei prodotti, della necessità di un’adeguata gestione del mercato e della necessità di ridurre gli oneri amministrativi, alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all’articolo 227 intesi a stabilire: a) l’elenco dei prodotti dei settori di cui all’articolo 176, paragrafo 1, per i quali è necessaria la presentazione di un titolo di importazione o di esportazione; b) i casi e le situazioni in cui la presentazione di un titolo di importazione o di esportazione non è necessaria, in considerazione della posizione doganale del prodotto di cui trattasi, dei regimi degli scambi da rispettare, delle finalità delle operazioni, dello statuto giuridico del richiedente e dei quantitativi interessati.

2. Per prevedere ulteriori elementi del regime dei titoli, alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all’articolo 227 intesi a definire regole riguardanti: a) i diritti e gli obblighi connessi al titolo, i suoi effetti giuridici e i casi nei quali si applica una tolleranza riguardo all’obbligo di importare o esportare il quantitativo indicato nel titolo o nei quali vi è l’obbligo di indicare l’origine nel titolo; b) la subordinazione del rilascio di un titolo di importazione o dell’immissione in libera pratica alla presentazione di un documento, emesso da un paese terzo o da un organismo, che attesti, tra l’altro, l’origine, l’autenticità e le caratteristiche qualitative dei prodotti; c) il trasferimento dei titoli oppure le restrizioni alla trasferibilità dei titoli; d) condizioni aggiuntive per i titoli di importazione per la canapa in conformità all’articolo 189 e il principio dell’assistenza amministrativa tra gli Stati membri per prevenire o gestire i casi di frode e le irregolarità; e) i casi e le situazioni in cui non è necessaria la costituzione di una cauzione a garanzia dell’importazione o dell’esportazione dei prodotti durante il periodo di validità del titolo

La Commissione può, inoltre, decidere di sospendere le importazioni o stabilirne i criteri qualora si verifichi sul territorio del Paese terzo un problema di igiene (Direttiva 93/43).

Quanto alle caratteristiche che deve assumere il vino comunitario occorre far riferimento allegato VII, parte II del Reg. CE 1308/13; con riferimento a questo occorre anche sottolineare che vige un espresso divieto di taglio tra un vino di uno Stato terzo e un vino dell’Unione Europea.

Ciononostante, è fatto divieto per gli Stati di adottare criteri discriminatori nei confronti dei vini stranieri.

LE REGOLE PER IMPORTARE DAI PAESI TERZI

Per importare i mosti ed i vini dai Paesi esteri occorre presentare il certificato di importazione rilasciato dallo Stato membro a chiunque ne faccia richiesta; tale certificato assume valore all’interno di tutta l’Unione Europea ed è rilasciato solo previo deposito di una somma a titolo cauzionale che verrà trattenuta dallo Stato qualora l’operazione di acquisto non venga eseguita entro il termine stabilito o venga eseguita solo parzialmente (salvo i casi di forza maggiore).

Le uniche ipotesi in cui la Commissione può applicare dazi sui prodotti vinicoli importati da Stati terzi sono:

  • importazioni effettuate ad un prezzo inferiore rispetto a quello comunicato all’OMS;
  • volume delle importazioni superiore al valore minimo
  • le importazioni rischiano di turbare il mercato interno dell’Unione

 

Il regime delle importazioni è regolato in maniera specifica dal Reg. CE 555/08, adottato dalla Commissione sulla scorta di un potere ad essa delegato.

In generale, le importazioni dovranno essere accompagnate:

  • attestato di regolarità del prodotto rilasciato dal Paese terzo in relazione alle norme comunitarie;
  • bollettino di analisi rilasciato dal Paese estero se il prodotto è destinato al consumo diretto.

Entrambe le certificazioni sono contenute in un unico documento, tuttavia l’attestato viene rilasciato da un organismo del Paese estero dal quale proviene il prodotto, mentre il bollettino è rilasciato da un laboratorio di analisi ufficiale sempre del Paese terzo.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...