L’etichettatura dei vini

wine-1002439_1920

1. LE FONTI

Con il termine “etichettatura” il Regolamento 1169/11 intende le menzioni, indicazioni, marchi di fabbrica o di commercio, immagini o simboli che si riferiscono ad un prodotto alimentare e figuranti su qualsiasi imballaggio, documento, cartello, etichetta, anello o fascetta che accompagni tale prodotto o che ad esso si riferisca.

Il Regolamento appena citato si applica, tuttavia, al settore alimentare in generale.

Quanto al settore vitivinicolo, invece, il Legislatore europeo ha voluto individuare norme specifiche, che si trovano all’interno del Regolamento 1308/13.

Continua a leggere “L’etichettatura dei vini”

Il caso “Parmesan” e il c.d. “italian sounding”

wine-cellar-2430651_1920

Come abbiamo visto le DOP e le IGP possono essere utilizzate da qualsiasi produttore, purché ne rispetti il relativo disciplinare di produzione, così come previsto dall’art. 103 del Reg. UE n. 1308 del 2013.

I maggiori problemi sorgono, tuttavia, nel momento in cui le suddette denominazioni (e indicazioni) vengono utilizzate nonostante i prodotti non siano conformi al disciplinare, oppure vengono posti in essere degli abusi volti a “cavalcare” la fama di un prodotto. In definitiva, tutti quei comportamenti che possono indurre in errore il consumatore circa l’effettiva origine del bene.

A questo proposito, appare utile analizzare la c.d. sentenza “Parmesan” della Corte di Giustizia UE del 26 febbraio 2008, C-132/05.

Continua a leggere “Il caso “Parmesan” e il c.d. “italian sounding””

La procedura per la richiesta di protezione europea. Parte II.

landscape-1524808_1920

Riprendiamo il filo del discorso iniziato con lo scorso articolo sulla procedura per richiedere ed ottenere la protezione europea.

In particolare eravamo rimasti alla pubblicazione del parere da parte del Comitato e la successiva fase delle osservazioni da parte dei soggetti interessati. Tale fase culmina, infine, con la trasmissione della domanda alla Commissione UE.

1. La registrazione europea

Come detto, una volta conclusa l’istruttoria in sede nazionale inizia la fase di esame della domanda da parte della Commissione Ue, la quale esaminerà tutta la documentazione pervenuta dallo Stato.

A questo punto, possono verificarsi 3 eventualità:

Continua a leggere “La procedura per la richiesta di protezione europea. Parte II.”

La circolare ministeriale sul D. Lgs. 231/2017

landscape-3204875_1920

Nella Gazzetta Ufficiale n. 329 Serie Generale del 8 febbraio 2018 è stato pubblicato il Decreto Legislativo del 15 dicembre 2017, n. 231, recante la disciplina sanzionatoria per le violazioni in materia di etichettatura dei prodotti alimentari prevista dal regolamento (UE) n. 1169/2011, nonché l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del medesimo regolamento e della Direttiva 2011/91/UE.

Continua a leggere “La circolare ministeriale sul D. Lgs. 231/2017”

La procedura per la richiesta di protezione europea. Parte I.

landscape-1524808_1920

La procedura per ottenere la protezione europea è finalizzata all’approvazione da parte dell’Unione Europea di denominazioni di origine o di indicazione geografiche.

La procedura si sviluppa in 2 fasi, l’una a livello nazione, l’altra a livello europeo e termina con la pubblicazione delle DO o IG nella Gazzetta Ufficiale dell’UE assieme al loro disciplinare di produzione.

Continua a leggere “La procedura per la richiesta di protezione europea. Parte I.”